>

Arturo Checchi - Pro Loco Fucecchio - Firenze - Toscana

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arturo Checchi

ARTE E CULTURA > Storici personaggi fucecchiesi
ARTURO CHECCHI
da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Un paesaggio di Arturo Checchi
Arturo Checchi (Fucecchio, 1886 – Perugia, 24 dicembre 1971) è stato un pittore italiano.

Iniziò dodicenne lo studio del disegno con un insegnante privato e nel 1902 frequentò per tre anni l'Accademia di belle arti di Firenze sotto la guida di Alfonso De Carolis. Terminata l'Accademia iniziò l'attività di decoratore e proseguì gli studi di disegno fino alla scoppio della Prima Guerra Mondiale, che lo costrinse al ritorno a Fucecchio.

Insegnò alle Accademie di Perugia (dal 1925, e dove sposò una sua allieva, Zena Fettucciari), di Brera (dal 1939) e Firenze (dal 1942 al 1961).

Aderente al gusto pittorico toscano dell'epoca, Checchi fu tra i primi pittori ad orientarsi allo stile di Cézanne, che Vittorio Pica fece conoscere in Italia nel 1908 con la pubblicazione Gli Impressionisti francesi, «suggestionati dalla mirabile capacità di sintesi e dalla volontà del francese di creare astratte armonie di masse e di toni». La sua tavolozza risultava però anche arricchita da un'incisività coloristica attinta da Van Gogh e Gauguin[1][2].

Tenne svariate esposizioni personali a Firenze; partecipò alla Biennale di Venezia (nel 1926, 1928, 1932, 1934, 1936 e 1940), alle prime otto edizioni della Quadriennale di Roma[4] e a collettive di grafica a Firenze, New York, Parigi, Varsavia, Riga. Fu inoltre presente all'Esposizione internazionale d'arte di Barcellona, indetta nel 1931 dal Sindacato nazionale Fascista.


Le sue opere sono conservate nelle seguenti collezioni pubbliche:

Galleria d'arte moderna di Roma
Galleria d'arte moderna di Firenze
Galleria d'arte moderna di Torino
Galleria d'arte moderna di Milano[3]
Gabinetto dei disegni e delle stampe degli Uffizi
Gabinetto delle stampe di Roma
Biblioteca nazionale di Firenze
Biblioteca nazionale di Parigi
Dal 1975 sono esposte a Vallombrosa due sculture: La sirena (1932) e Bimba al sole (1935). A Perugia sono esposte Il violino (giardini di piazza Italia) e La chitarra (foyer del Teatro Morlacchi).

 
Cerca
Associazione Pro Loco Fucecchio
Torna ai contenuti | Torna al menu